I GIARDINI

 
3667
storiaLa città incanta per i suoi scorci mozzafiato e le opere della natura. Uno spettacolo unico la cui bellezza infonde un senso di pace e di benessere. Sono soprattutto i giardini di Merano a rendere unica l’esperienza della viaggio: qui il lavoro dell’uomo e la forza creatrice della natura si uniscono in un ideale di perfezione che racconta la storia e la cultura del luogo. I Giardini di Castel Trauttmansdorff sono in assoluto i più famosi, sia per l’estensione (12 ettari), sia per il loro passato strettamente legato all’amatissima principessa Sissi che amava questi luoghi e vi trascorse ben sette mesi.
Il giardino è anche un orto botanico dove è possibile ammirare oltre ottanta ambienti botanici con alberi, fiori e piante da tutto il mondo.

Tra le numerose specie, esemplari molto rari: la vite più antica del mondo, un olivo di 700 anni, nonché alcuni “fossili viventi” come il Ginkgo biloba, la Metasequoia glyptostroboides e la Wollemia nobilis (esposta al pubblico per la prima volta in Italia proprio qui dal 2006).

La pianta a lungo ritenuta estinta, fu ritrovata nel 1994 in Australia e da allora inserita in un programma di proliferazione.I giardini regalano infine esperienze multisensoriali, grazie alle stazioni dedicate alla scoperta della natura: la scoperta del suono del lagno e l’orologio delle libellule, il mosaico geologico, la serra e la magia dell’eco restituita dalle rocce.

Condividi su: