Pasqua in Alto Adige - Uova colorate

La Pasqua in Alto Adige

A Pasqua in Alto Adige si mescolano tradizioni germaniche e italiane: dal coniglietto pasquale che nasconde le uova colorate alla visita al Santo Sepolcro

In Alto Adige, regione di confine tra Italia e Austria, convergono e si mescolano tradizioni e usanze diverse anche nel periodo di Pasqua. Tutta la Settimana Santa è scandita da attività e momenti condivisi in famiglia e con la comunità.
In molte cittadine della regione il giovedì verde, ossia il Giovedì Santo, è dedicato alla decorazione delle uova sode, usanza di origini genericamente germaniche. Adulti e bambini si riuniscono per colorare i gusci con colori naturali ottenuti dalle barbabietole, dalla buccia di cipolla o dagli spinaci. Una volta pronte le uova vengono messe nelle ceste pasquali insieme a prosciutto, dolci e altre specialità gastronomiche e portate in chiesa per la benedizione.
Il Venerdì Santo, come in tutta Italia, i fedeli vanno in chiesa per la visita al Sacro Sepolcro. La tradizione di preparare nelle chiese questi spazi riservati al raccoglimento e alla preghiera risale al medioevo e in Alto Adige l’allestimento degli altari si arricchisce di luci, candele. In particolare a Luson vengono appese 100 splendenti palle di vetro.
Infine, a Pasqua dopo la messa le uova vengono nascoste nelle case e nei giardini dal coniglietto pasquale e i bambini devono cercarle e sfidarsi al tradizionale Hecken, Osterpecken o Preisguffen un confronto nel quale si cerca di rompere il guscio dell’uovo dell’avversario per aggiudicarselo come trofeo. Le uova vengono poi portate a tavola per il pranzo durante il quale secondo la tradizione non devono mancare lo speck e il prosciutto appena cotto con contorno di asparagi, salsa bolzanina e cren, cioè il rafano.
Tra i cibi tradizionali c’è anche il Fochaz, ovvero un pane dolce a forma di gallina o di coniglio aromatizzato all’anice e spesso decorato con una stella che può essere preparato in casa oppure comprato. Generalmente sono il padrino e la madrina di battesimo a regalare ai bambini questo pane insieme a un piccolo dono.

336